2013

Ultima nostra iniziativa importante del 2013 è il coinvolgimento dei pesciatini nel progetto di rendere più pulita la Città. Al “grido” di “IO SPAZZO UNO SPAZIO” numerosissimi esercenti e semplici cittadini si sono presi l’impegno di rendere più pulito sia lo spazio di loro competenza, sia zone più distanti, sempre ed esclusivamente con l’intento di salvaguardare quel decoro urbano che dovrebbe stare a cuore a tutti.


In dicembre sono stati installati dagli operai del Comune due grandi cesti porta rifiuti donati alla Città dalla nostra associazione. Uno è stato sistemato in Piazza XX Settembre, davanti alle Autolinee Lazzi, e uno in via Buonvicini, zone queste molto frequentate dai giovani. Prossimamente saranno posizionati in altrettante zone “calde” di Pescia dodici cestini con il fusto, anche questi su nostra iniziativa. 


Penultima iniziativa del 2013, l’installazione, di quattro artistiche finte persiane al fabbricato Giaccai di Via Turini. Il nostro intervento è stato molto apprezzato dai cittadini, anche perché la precedente situazione delle finestre, ora coperte, era davvero indecorosa. 
Autore delle opere il bravissimo Claudio Stefanelli, il quale aveva disegnato la pianta topografica di Pescia installata in primavera all’incrocio fra lo Sdrucciolo del Duomo e via Battisti. 


Domenica 29 settembre, in una giornata di grande festa ma anche di pioggia incessante, sono transitati da Collodi i ciclisti partecipanti al Campionato del Mondo su strada professionisti.
A dare il suo arrivederci ai concorrenti, ci ha pensato il Pinocchio in bicicletta posto al centro della rotonda di Ponte all’Abate, che era stato eseguito dal socio Roberto Bottaini e, tramite la nostra associazione, donato alla Fondazione Nazionale C.Collodi.


Sabato 14 settembre, in stretta collaborazione con l’associazione”Il cenacolo delle muse” di cui è presidente il concittadino Francesco Lucchesi, abbiamo organizzato in Piazza del Grano un memorabile appuntamento dedicato a Giacomo Puccini e alle sue arie immortali. Nonostante un terribile tramontano, più di trecento persone hanno assistito all’evento decretandone il pieno successo. 


Sabato 24 agosto, alle ore 18,00 presso il Conservatorio femminile di San Michele, abbiamo inaugurato una mostra di pittura e scultura straordinaria dal titolo “Il sacro e il profano”. Erano in visione opere dei pietrasantini Fabrizio Del Tessa e Riccardo Bremer. Il primo è ormai ben conosciuto in città per essere l’autore, nel 2009, di una umoristica litografia dal titolo “Pescia e il suo palio”, opera ormai introvabile. In pieno contrasto con quel tipo di pittura, erano esposti oli e sculture di Riccardo Bremer, opere nelle quali gli oggetti, i paesaggi e le persone erano fedeli alla realtà. Prima dell’apertura della mostra, è stata presentata una nuova litografia di Del Tessa dal titolo “Pescia in scenografia”. In essa sono facilmente riconoscibili i monumenti e le chiese del centro storico cittadino, disegnati solo in facciata, come fosse un set di Cinecittà, da qui il titolo dell’opera.


Con la fine di luglio sono terminati i lavori di pronto intervento restaurativi di alcuni affreschi, raffiguranti stemmi (1400-1500), situati nella Sala Consiliare del Comune. Grazie al contributo di una nostra socia, che ha voluto restare nell’anonimato, siamo riusciti a fermare una situazione che nel breve periodo sarebbe potuta diventare irrecuperabile. 


Sabato 1° giugno è stata inaugurata un’artistica pianta topografica del centro storico di Pescia, realizzata dall’associazione “Quelli con Pescia nel cuore” su progetto di Claudio Stefanelli, direttore dei musei cittadini. L’opera, riprodotta su mattonelle di ceramica 20×20, mette in rilievo, nei suoi quattro metri quadrati di estensione, i monumenti, le chiese e i palazzi che rappresentano le eccellenze della Città. La pianta topografica è stata collocata alla intersezione fra lo Sdrucciolo del Duomo e la via Cesare Battisti, in uno spazio un tempo adibito ad ospitare manifesti pubblicitari, quindi in un punto strategico per il passaggio di centinaia di persone ogni giorno. Fra queste, ha sottolineato il Sindaco Roberta Marchi, presente alla cerimonia, speriamo anche molti turisti, i quali avranno uno strumento in più per orientarsi nel vasto repertorio di opere monumentali presenti a Pescia. 


Sabato 6 luglio sono stati presentati due importanti restauri, relativi ai portoni settecenteschi, che danno accesso agli uffici finanziari del Comune, e una bellissima lunetta quattrocentesca, in affresco, praticamente “dimenticata”. L’opera d’arte, ubicata nell’ingresso dello stesso palazzo delle finanze, era in uno stato di degrado tale da essere praticamente illeggibile. Ciò era dovuto allo strato di sporco e di vecchi restauri pittorici eseguiti con tecniche non del tutto appropriate. La lunetta, anche se fatiscente, risultava comunque  di pregevole fattura e ricca di particolari ricercati e raffinati, tanto da meritarsi il costoso ritorno alla visibilità.
L’affresco, raffigurante la Vergine col Bambino e i quattro santi patroni di Pescia, Dorotea, Policronio, Abdon e Sennen, è ricco di una cornice molto decorativa con stemmi e simboli particolareggiati, che stimolano la curiosità del profano.
Al termine della cerimonia di presentazione è stato donato ai presenti una pubblicazione-ricordo curata da Claudia Massi.